barra
MENU
Le Storie di Andy
autismo


  Le Storie di Andy – Ricordi come conchiglie sparse sulla spiaggia : i Boxer da bagno.

Per tanti anni noi siamo andati in Vacanza nelle spiagge Venete e sono tante le Storie che mi vengono in mente, storie che grazie all’aiuto di Sonia e Ada, raccolgo come fossero conchiglie sparse sulle spiaggia e che vi porgo con piacere, sperando di farVi sorridere, ma anche di farVi riflettere e in piccola parte anche con la speranza (svelando piccoli trucchi e semplici ma efficaci strategie educative) di riuscire ad aiutare altri genitori come noi.
I pantaloncini da bagno: ricordo che anni fa, ai tempi in cui l’Economia tirava alla grande, la Ditta di Segrate per cui lavoravo organizzava dei meravigliosi Viaggi, mi colpì un gigantesco striscione esposto nel Porto di Phuket in Thailandia, in cui c’era scritto “Welcome U.S.A. Navy” , perché era in arrivo una Portaerei Americana con 6.000 persone di equipaggio che avrebbero riempito per settimane tutti i locali del porto; ecco, idealmente anche nel Bazar vicino al nostro Albergo c’era uno striscione simile che poteva recitare così “W Andy e la sua famiglia ” , perchè era dato per certo l’acquisto da parte nostra di una cospicua quantità di Slip da bagno per Andy…………
Il nostro Hotel aveva la Piscina, ma a quel tempo era improponibile portarci Andy a fare il bagno perché, parafrasando una nota Pubblicità, quando era a mollo in Vasca, Andy non faceva solo “Plin Plin”, ma anche “Plom Plom” e quindi l’unica soluzione possibile era portarlo al Mare.
Oltretutto Andy era come avesse le “Branchie” perché passava ore ed ore a mollo in mare, solo che quando entrava in acqua, aveva gli slip da bagno, ma ogni volta che ne usciva … era Nudo come Adamo perché i pantaloncini non li indossava più!
Il mio compito in Vacanza era di seguire e sorvegliare Andy, mentre Sonia seguiva gli altri 2 figli, ma i miei compiti erano finalizzati in particolare a certe necessità che qui di seguito elenco:

  1. Evitare assolutamente che Andy entrasse in piscina, perchè il “Pli Plin” ed il “Plon Plon” erano pressoché immediati con evidente grande disturbo per gli altri ospiti dell’Hotel.
  2. Tranquillizzare il Bagnino di turno, assicurandolo che il Ragazzo era sempre seguito da me (ex Bagnino a Milano Marittima), perché Andy andava sempre al limite in cui si toccava il fondo (e a Jesolo l’acqua è bassa ed il limite è molto in là) e poi iniziava il suo Show fatto di urletti e di giravolte su se stesso, che potevano anche essere scambiati “per invocazioni di Aiuto”.
  3. Osservare attentamente Andy per cercare di capire il momento in cui cercava di togliersi i pantaloncini ed a quel punto entrare in acqua ed urlargli “Andy SU” e in effetti, lui dopo aver sentito l’ordine, i pantaloncini se li rimetteva, ma il mio “pesciolino” faceva tanti e tali salti e giravolte che era difficile “sgamarlo” ed alla fine il destino era segnato, lui riusciva sempre a “farmi fesso”.
  4. Ogni volta che Andy usciva nudo dall’acqua, io come “Indiana Jones” dovevo entrare in acqua per andare alla ricerca degli “Slip perduti”, che purtroppo, spesso non riuscivo a ritrovare, sia a causa dell’acqua non limpidissima che anche di correnti sottomarine che c’erano in quella zona.

Ecco quindi che per almeno 3 anni, un giorno sì e uno no, la felice padrona del Bazar, ci vedeva entrare per fare acquisti di Pantaloncini da bagno sempre più Colorati e Sgargianti per Andy.
Stavolta il Genio di turno fu la nostra “Aduccia piccolina” che suggerì alla Mamma la soluzione “Polistirolo”, suggerì infatti di mettere dentro al taschino posteriore dei Boxer e dei Pantaloncini da bagno, del polistirolo, così quando Andy si fosse tolto i pantaloni, questi avrebbero galleggiato.
Al mattino, la cosa funzionò benissimo, entrando in acqua il ritrovamento dei Boxer fu quasi immediato, perché li vidi subito galleggiare, ma forse Andy si divertiva a vedermi vagare su e giù per il mare, e probabilmente il fatto che fossi tornato indietro così presto con i Pantaloncini in mano, non gli “garbava” mica tanto e così al pomeriggio feci una fatica improba nel trovarli ed alla fine mi accorsi che il Polistirolo nel taschino, che prima di entrare in acqua c’era , poi, “puff” non c’era più.
Ci venne il dubbio che fosse stato Andy a toglierli ed ecco arrivare la contromisura; con Ago e Filo, Sonia fece una bella cucitura per sigillare il taschino dei Pantaloncini, e alla prima occasione il dubbio svanì, perché gli Hui Hui di un Andy incazzato nero si sentivano per tutto l’Alto Adriatico perché Andy si era tolto i Boxer e cercava inutilmente di aprire il Taschino e togliere il Polistirolo.

Alla Prossima Storia…………………………… Roberto Rusticali

CONTRIBUTI E COMMENTI